Web Analytics

Icon

il Blog della Web Analytics in Italia

оформить кредит онлайн

Microsoft Web Analytics

Voci ufficiose danno ormai per imminente l’ingresso in campo di Microsoft con un proprio prodotto di web analytics.
Il nome inizialmente previsto, Gatineau, sembra essere stato sostituito a favore di un nome nuovo ancora celato dietro il riserbo che è ordinario in queste occasioni.
Il prodotto sarà basato sul modello gratuito, sulle orme di Google Analytics, ma sembra con capacità di segmentazione superiori. La competizione sarà ancora una volta su funzionalità e supporto e non sul pricing.
Probabilmente il nuovo software è un’evoluzione di DeepMetrix, la società di web analytics canadese acquisita da Microsoft stessa nel maggio del 2006.

Forse già nell’autunno di quest’anno vedremo ciò che Microsoft ha in serbo per l’analisi di clickstream.

AberdeenGroup sulla Web Analytics

logo_aberdeen.jpg

Con “Web Analytics: The Crystal Ball of Customer Behavior” anche AberdeenGroup torna sull’argomento Web Analytics dopo diversi anni di assenza. In passato era stato Guy Creese, nel lontano 2002 con “Web Analytics: Making Business Sense of Online Behavior” e con “Web Analytics ASPs: Making Market Waves” a occuparsi del tema.
Il documento è frutto di una ricerca condotta tra il febbraio e l’aprile 2007 il cui scopo è stato quello di esaminare l’utilizzo della web analytics, le esperienze e gli intenti di oltre 200 imprese campione. Obiettivo della ricerca era quello di comprendere l’efficacia delle campagne di marketing, le best practice nella gestione e nella misurazione dell’analitica, le tecnologie utilizzate e dedicate dalle imprese leader.
La ricerca è stata condotta con questionari online e interviste telefoniche a professionisti del settore e addetti.

WebSideStory Inc. diventa Visual Sciences Inc.

Visual Sciences

Tempo di novità importanti anche in casa di WebSideStory Inc.
Robert Chatham, Senior Vice President Education, ha annunciato il 9 di maggio che WebSideStory Inc. si andrà a consolidare sotto un singolo brand, Visual Sciences Inc. Inoltre, è stato annunciato che le azioni trattate al Nasdaq sotto il simbolo WSSI, saranno trattate sotto il ticketing VSCN a partire dal giorno 10 di maggio.
Visual Sciences era stata acquisita da WebSideStory nel febbraio del 2006 e da allora i due brand erano vissuti in modo contestuale. La decisione di oggi è più che altro simbolica e segnala l’intenzione dell’impresa di focalizzarsi in modo unico nel servire applicativi in tempo reale alle imprese che svolgono analisi su dati complessi. Oltre ai dati web, l’impresa è focalizzata nella raccolta dati su canali multipli di interazione quali i contact center e i punti vendita.
Jim McIntyre, oggi CEO di questa “nuova” Visual Sciences, ha sempre sostenuto da quando fondò la “prima” Visual Sciences nel 2001, l’importanza della “comprehensive view” del cliente e dei canali multipli di interazione come necessari punti di raccolta e di interesse per i dati analitici.

Google Analytics V2

E’ stata ufficialmente rilasciata la nuova release di Google Analytics. Brett Crosby, Senior Manager of Google Analytics, ha elencato quelle che sono le principali funzionalità e caratteristiche associate al nuovo rilascio. Il software sarà sempre offerto gratuitamente, e sarà disponibile a partire da oggi per gli account esistente e nelle prossime settimane, con un rilascio giornaliero. Tutti i dati storici saranno pre-popolati e le due versioni – nuova ed esistente – resteranno disponibili online contemporaneamente per un periodo di 30 giorni circa.

Caratteristica fondamentale della nuova versione è la semplicità e l’immediata intuitività dell’interfaccia.

GoogleAnalytics_V2

Le nuove funzionalità presenti sono:

- dati e analisi contestualizzati;
- dashboard customizzabili;
- reporting via email schedulato;
- una migliore visualizzazione;
- miglioramento nelle capacità di segmentazione.

L’approccio seguito per l’analisi è di tipo etnografico e fa leva su un linguaggio accessibile e semplificato. La nuova release mira fortemente a rendere i dati quanto più possibile accessibili attraverso ciò che Crosby ha dichiarato “exploration & discovery”.

Eric T. Peterson lascia Visual Sciences

Eric T. Peterson

Eric T. Peterson, il guru o profeta che dir si voglia della web analytics ha ieri annunciato all’ eMetrics Summit di San Francisco di avere rassegnato le dimissioni da Visual Sciences per svolgere il lavoro di consulente indipendente.

Eric afferma che il settore è a un punto di svolta e che la tecnologia a disposizione delle imprese è di grande impatto, sempre più organizzazioni iniziano a dedicare risorse alla funzione di web analyst.

Eric T. Peterson è autore di libri fondamentali quali “Web Analytics Demystified”, “Web Site Measurement Hacks” e “The Big Book of Key Performance Indicators”.
Eric è stato vice president of strategic services per Visual Sciences, prima di ciò analista per JupiterResearch e prima ancora analista in WebSideStory Inc. e WebCriteria.

Eric è inoltre conosciuto per il suo spirito di evangelizzatore, avendo fondato lo user group su Yahoo dedicato alla web analytics e inventato i Web Analytics Wednesdays, per gli incontri sul tema.

L’annuncio che ha fatto Eric T. Peterson ieri sul suo futuro di analista – così come riportato da Jeremiah Owyang:

“In my ‘Web Analytics Guru’ presentation to the entire conference I will be announcing that I have left my position as Vice President, Strategic Services at Visual Sciences to form my own strategic consulting group, Web Analytics Demystified, Inc. At Web Analytics Demystified I will be providing consulting, conducting and publishing industry research, and continuing to
provide the same high-quality web analytics education I have for years through my books Web Analytics Demystified, Web Site Measurement Hacks, and The Big Book of Key Performance Indicators and my weblog at www.webanalyticsdemystified.com.”

Il nostro in bocca al lupo a Eric!

Cookie: quali limiti?

ComScore ha pubblicato i risultati di uno studio che ha analizzato la validità dell’utilizzo dei dati che si basano sui cookie per misurare il numero di visitatori unici che giungono al sito e che vengono registrati dagli ad server.

Per quanto riguarda gli utenti statunitensi il 31% degli utenti Internet è uso a cancellare i cookie first party durante il mese. Questa alta frequenza nel cancellare i cookie porta ad una sovrastima della dimensione dell’audience pari a circa il 150 per cento.

Mohanbir Sawhney, professore alla Kellogg School of Management, Northwestern University, afferma che lo studio dimostra in modo evidente i limiti associati alla misurazione dell’audience basati sui cookie.

Un ampio estratto dei risultati della ricerca si può trovare su http://www.comscore.com/press/release.asp?press=1389.

Le principali frustrazioni associate alla Web Analytics

Secondo quanto emerso all’Omniture Summit 2007 di Orem, occasione che ha riunito circa 900 professionisti tra esperti di web analytics, media buyer, responsabili web e sviluppatori lo scorso marzo, c’è una lista comune di elementi che creano frustrazioni o quantomeno forti interrogativi: sottodimensionamento nello staff a disposizione, eccessiva disponibilità di metriche e statistiche a dispetto della loro reale utilità, la scarsa presenza di dati attitudinali, le dinamiche di misurabilità associate al Web 2.0.
Leggi il resto dell’ articolo ….



Follow WebAnalytics_it on Twitter

Categorie