Web Analytics

Icon

il Blog della Web Analytics in Italia

Adobe Digital Marketing Summit US 2012

La kermesse dell’Adobe Digital Marketing Summit (summit.adobe.com) di Salt Lake City ha visto la partecipazione di circa 4000 operatori dell’area digital, content e marketing.

A fare gli onori di casa al Salt Palace di Salt Lake City Brad Rencher, senior vice president e general manager, Digital Marketing Business. E’ stato il Summit della definitiva consacrazione delle tendenze a favore del publishing con ampio spazio rivolto alle novità sulla piattaforma di Web Experience Management (WEM). L’integrazione della Digital Marketing Suite (Omniture) con la Publishing Suite è il grande punto di incontro dei due mondi.

Sono stati annunciate diverse novità:

- Adobe Social, il nuovo prodotto che combina il social publishing e l’engagement con il monitoring e l’analytics, per attribuire l’attività social ai risultati di business. Il prodotto si fonda in parte sulla tecnologia di social media management Context Optional/Efficient Frontier acquisita all’inizio di quest’anno da Adobe e in parte sullo strumento SocialAnalytics per il monitoring e l’analytics dei canali social già lanciato lo scorso anno;

- Discover 3, release che offre la possibilità di analisi dei flussi di tutte le variabili raccolte, un nuovo design dell’interfaccia utente e la possibilità di analizzare due segmenti contemporaneamente;

- Nuove capabilities di predictive marketing all’interno della Suite, progettate per ridurre la complessità associata ai modelli comportamentali predittivi. Con questi avanzamenti, Adobe mira a introdurre la predictive analytics e una migliore capacità nel decision making del marketing.

Queste novità mirano in particolare a decifrare con maggiore velocità trend e insight all’interno di sempre più vaste quantità di dati storici per offrire uno sguardo sui risultati potenziali futuri. La quantità dati in continua crescita rappresenta una sfida sempre più complessa per chi deve estrarre informazioni e insight ma allo stesso tempo rappresenta una grande opportunità di business insight.

- Efficient Frontier è ora parte dell’Adobe Digital Marketing Suite, per l’unione di campagne social, search, e display e la creazione di un’ottimizzazione multicanale delle diverse campagne

- E’ prevista una nuova versione di Search Center con strumenti dedicati alla previsione degli impatti associati ad una variazione del budget d’investimento in funzione degli obiettivi prefissati.

Infine Adobe ha stretto una partnership con hybris, per il multichannel commerce e l’ecommerce, forse anche in risposta alla strategia Smarter Commerce di IBM.

Google Analytics – Social Report Suite

Una prima versione del nuovo report dedicato ai social era stata mostrata in anteprima lo scorso settembre.

Quelli che all’epoca non erano altro che wireframe e schizzi e di progettazione, oggi stanno per diventare realtà: Google Analytics a breve includerà una suite di report per l’analisi dettagliata delle interazioni degli utenti attraverso i social network.
I report social forniranno le seguenti informazioni:
- Fonti social e pagine che ricevono traffico dai canali social;
- Analisi delle conversioni: sia last-interaction che assistite;
- Analisi delle attività e condivisioni attraverso i social plugins (solitamente i bottoni);
- Social navigation flow.
I report permetteranno di capire dove e come le persone interagiscono, quello che dicono e il loro comportamento in relazione alle conversioni.

L’integrazione di metriche web e social permetterà di osservare quali canali e quali strategie social producono il ritorno più elevato. Molti strumenti di social analytics si focalizzano sul listening o sul buzz, ma spesso non offrono indicazioni sul valore di business (conversioni, vendite) che gli investimenti sui diversi social riescono a generare.

Il report di overview della suite fornisce un’immediata indicazione grafica della distribuzione del valore monetario delle conversioni che coinvolgono fonti social (sia come ultima interazione che come conversione assistita).

Uno dei report più innovativi è quello definito “Activity Stream” (in italiano, “Flusso delle attività”) che mostra lo stream delle citazioni social che hanno portato traffico al sito. L’Activity Stream è disponibile solamente per i Social Network che hanno aderito al Social Data Hub (Google Plus, Blogger, WordPress, Delicious, Badoo, Disqus, Echo, Hatena e Meetup). Attualmente non è affatto scontata la presenza di Facebook (ampiamente il social network in grado di attirare la maggior parte del traffico) all’interno della lista dei Social Data Hub Partners.

All’interno di questo report è possibile visualizzare il commento e l’utente, ma anche seguirne l’eco sul social network, o le attività sviluppate a partire da quella pagina.

Si tratta di uno sviluppo particolarmente interessante, che coniuga la misurazione quantitativa di Google Analytics con l’analisi qualitativa dei commenti sui social network. All’interno della stessa applicazione è ora possibile visualizzare l’atteggiamento del pubblico nei confronti, per esempio, di un prodotto nuovo e il riscontro in termini di conversioni.

The WAA is now the DAA

La Web Analytics Association ha cambiato nome in Digital Analytics Association (DAA).

La Digital Analytics Association aiuta i portatori di interesse in tutte le imprese e a tutti i livelli ad affrontare le sfide relative all’acquisizione dati, alla loro esplorazione, alla deduzione e applicazione analitica. La DAA è un’associazione volontaria senza scopo di lucro. Il suo obiettivo è contribuire a migliorare l’istruzione, la comunità, la ricerca e il patrocinio nel mercato della data analysis.

La DAA fu fondata nel 2004 come Web Analytics Association. Il continuo emergere di flussi di dati digitali messi a disposizione ha causato un cambiamento nelle responsabilità dell’analista che si sono di conseguenza allargate e il termine “web analytics” è ora conosciuto con il significato di dati raccolti esclusivamente sui siti web. Nel 2011 il Board of Director dell’associazione ha scelto di cambiare il nome in Digital Analytics Association per giustificare il cambiamento di ruolo negli analisti ora deputati a comporre dati da fonti e canali multipli.

La DAA è un’associazione volontaria guidata dai suoi membri.



Follow WebAnalytics_it on Twitter

Categorie