Web Analytics

Icon

il Blog della Web Analytics in Italia

Google Analytics API

Google Analytics
Martedì 21 aprile è stata resa disponibile a tutti gli utenti la API di Google Analytics, dopo la conclusione di un periodo in Beta test durato diversi mesi. L’API permette finalmente l’esportazione dei dati raccolti su applicazioni terze e di utilizzare Google Analytics come una piattaforma standard per la raccolta dati, inoltre l’API consente di estendere le funzionalità di Google Analytics in nuovi modi. Gli sviluppatori possono integrare i dati in prodotti software già esistenti, gli utenti possono osservare i dati in dashboard e widget, oppure è possibile accedere alle informazioni via mobile, ecc.

Per vedere alcuni esempi di applicazioni disponibili è possibile andare alla pagina http://code.google.com/apis/analytics/docs/gdata/gdataGallery.html.

finalok2

La Google Analytics Data Export API fornisce un accesso read-only a tutti i dati di Google Analytics. Il protocollo API è lo stesso delle altre applicazioni di Google. Le richieste vengono fatte via protocollo http e si accede ai dati XML. Per i linguaggi di programmazione JavaScript e Java, sono state messe a disposizione le librerie necessarie all’estrazione.

54ok

I feed attuali presenti nella Data Export API contengono due categorie di dati analitici:
- gli account di Analytics e i profili dei siti web;
- i dati provenienti dai report di Analytics appartenenti ad ogni singolo profilo.
Tutta la documentazione necessaria per iniziare a sviluppare (esempi di codice, la Developer Guide, le FAQ, riferimenti completi all’API) può essere trovata sul Google Analytics Developer Docs site

mockup3ok

E’ possibile inoltre iscriversi al gruppo Google Analytics API Notify per essere informati su aggiornamenti e novità riferite all’API all’indirizzo http://groups.google.com/group/google-analytics-api-notify?lnk.
Anche iscriversi alla community degli sviluppatori di Google Analytics entrando a far parte del Google Analytics APIs Group.

datarangeok1

La Google Analytics Data Export API ha una quota a sistema massima di 10.000 richieste giornaliere ovvero 100 richieste ogni 10 secondi per singola web property, anche se tale quota limite è soggetta a variazione in futuro. Questo per garantire che il sistema non riceva un numero di richieste che non è in grado di gestire e per assicurare una distribuzione equa delle risorse di sistema. Inoltre, le query è limitata ad una impaginazione di 1000 righe per query. Quando un account eccede la sua quota disponibile, si riceve in risposta un messaggio di service unavailable (HTTP 503) con un messaggio che ricorda che l’account specifico ha superato la quota a disposizione.

http://analytics.blogspot.com/2009/04/attention-developers-google-analytics.html

Google Analytics – Da urchin.js a ga.js

Google Analytics
Nei primi giorni di Aprile Pingdom.com ha svolto una ricerca sulle home page dei 10.000 siti web più popolari secondo la classifica di Alexa, per verificare la presenza del tag di Google Analytics. E’ emerso che 4872 siti appartenenti al campione utilizzano Google Analytics, 1992 di essi utilizzano la vecchia versione dello script urchin.js, mentre 2982 utilizzano il ga.js, la nuova versione rilasciata a fine 2007.

I risultati della ricerca, evidenziano due fatti importanti:

a) innanzitutto, quasi un 50% dei siti campione utilizza Google Analytics. Questo significa un tasso di penetrazione molto alto, anche se leggermente inferiore ad altre ricerche svolte nel 2008 che ne fissavano il valore al 54%;

b) inoltre, tra i siti che fanno uso di Google Analytics, il 40% di essi utilizza tuttora la vecchia versione dello script urchin.js. Questo è un fatto di rilievo che ha molto a che vedere con l’organizzazione e la gestione e il controllo dei processi.

In effetti, nessuno può dire con certezza quanti siano i siti che hanno sostituito urchin.js e quanti invece hanno iniziato a fare uso di Google Analytics successivamente al rilascio di ga.js. E’ in ogni caso degno di nota il fatto che quasi la metà dei siti che utilizzano Google Analytics devono ancora passare a ga.js.
Il passaggio alla nuova versione è da sempre raccomandato, questo perchè ga.js rispetto a urchin.js come già detto più volte garantisce vantaggi rilevanti:

- Maggiore velocità
- Minori dimensioni
- Utilizzo di un modello Javascript object-oriented, che garantisce maggiore efficienza e maggiore comprensione nei metodi
- Semplicità di personalizzazione, in particolare per le impostazioni di e-commerce e cross-domain tracking
- Identificazione automatica dell’HTTPS
- Supporto delle future funzionalità
- Accesso ai nuovi report una volta disponibili

E’ corretto ipotizzare che non tutti gli operatori dei siti che impiegano Google Analytics siano consapevoli della scadenza di urchin.js. Un rappresentante di Google ha dichiarato che non esistono piani immediati di discontinuità, in ogni caso quando urchin.js cesserà di essere supportato (fine estate?) sarà inviata una chiara comunicazione agli utenti che li renda consapevoli della necessità del cambiamento.
I siti internazionali più famosi che vengono citati tra coloro che ancora utilizzano urchin.js sono
Blogger.com, Doubleclick.com, Foxnews.com, Match.com, Wired.com, PCWorld.com.
Tra i siti italiani, ticketone.it, bnl.it, fiat.it, tim.it e telecomitalia.it, focus.it. adnkronos.com e altri ancora.

Announcing Google Analytics Enterprise Class Analytics

Novità da Google Analytics che dall’eMetrics Summit East di Washington annuncia un nuovo significativo avvicinamento all’Enterprise Class Analytics. Con cadenza ormai periodica, Google Analytics esce con le sue novità in grado di scardinare gli schemi attualmente presenti nel settore.

La nuova release include:

1) Nuova interfaccia amministratore;
2) Integrazione con AdSense;
3) Motion Charts (uno strumento per la visualizzazione dati dinamico)
4) Personalizzazione dei report
5) Segmentazione avanzata
6) API

Nei dettagli ecco cosa sarà a disposizione da oggi tra novità e miglioramenti (disponibile da subito al pubblico o in beta per certe funzionalità):

- Nuova interfaccia account management: una rinfrescata all’interfaccia amministratore, è possibile gestire le metriche di successo e rinominare i profili attivi. La versione Beta ha implicazioni immediate sulla modalità di gestione e set up in Google Analytics. Una volta loggati nell’area amministratore viene visualizzata la lista di tutti gli account a cui si ha accesso. Ad ogni account, vengono associate e visualizzate le metriche di successo.
Diventa semplice osservare le metriche di successo a livello di account quali:

* Visite
* Tempo speso sul sito
* Bounce Rate
* Obiettivi raggiunti

Ogni account tra l’altro è un link che se cliccato visualizza i profili attivi all’interno dell’account.

Leggi il resto dell’ articolo ….



Follow WebAnalytics_it on Twitter

Categorie